Bidibibodibibook
Copertina del libro Il Rock in Azienda

Il rock in azienda: quando il management ha un sound che sa farsi sentire davvero

Per gestire un’azienda, piccola o grande che sia, ci vuole coraggio e spirito di intraprendenza. Ci vuole la stoffa di un vero leader, come le rock band storiche ci insegnano.

Sull’Autore

Massimo Panìco è un super appassionato del genere rock, ed ovviamente, come ogni rocker che si rispetti, ha una sua band, i “Damaiste”, con la quale attraverso l’album intitolato “What you see is all there is” ha scalato la classifica delle Top5 del genere indie su iTunes.

E’ nato a Taranto nel 1971 ed ha una laurea in Economia e Commercio.

Attualmente vive a Bologna, vanta 40 di esperienza nel settore musicale e ben 25 come esperto nel management presso aziende di livello internazionale, all’avanguardia ed anche così importanti da essere quotate in borsa.

Di marketing è un’esperto poiché ha avuto modo di ricoprire incarichi ad esso legati, ed anche nelle vendite, ed avendo anche esperienze imprenditoriali, può considerarsi un valido aiuto per tutti coloro che si avvicinano a queste importanti realtà o che già le stanno vivendo.

Ma Massimo non è soltanto questo, è difatti anche un coach professionista ed uno speaker.

Il libro

Oggi vi parlerò di un interessantissimo libro manuale che mi è stato proposto dallo stesso autore. 

Quando me lo ha spiegato brevemente mi ha subito incuriosita, un po’ perché quando mi parlano di musica rock mi è assolutamente impossibile restare indifferente, ed un po’ anche perché l’idea di applicare un genere musicale così di nicchia ad un tema sempre attuale l’ho realmente trovata una genialata.

Dopo alcuni giorni mi è arrivato a casa il libro e che dire, già la copertina con il plettro con il simbolo del dollaro americano mi ha conquistata letteralmente!

Non poteva esserci un’immagine più azzeccata di questa, e lo dico col mio occhio da grafica ovviamente.

Inizio a leggerlo e rimango stupita subito dalla sua struttura: i capitoli sono diventati delle tracce, come quei vecchi vinili che tanto mi piacciono e che da sempre associo al puro rock’n roll vecchio stile.

Mi inoltro nella lettura e rimango colpita da quello che leggo, sì perché qualcosa di management ne so, ho seguito anche un master al riguardo proprio lo scorso anno più o meno in questo periodo, quando ancora si poteva viaggiare in treno, direzione Milano.

Ma nemmeno le più interessanti e super costose scuole sanno imprimere nella mente di uno studente nozioni così chiare sul management in un modo così innovativo, questo è sicuro.

La caratteristica vincente di quest’opera è data sicuramente dall’amore (ed anche dalla vasta conoscenza del genere) per la musica rock che l’autore dimostra di avere pagina dopo pagina.

E’ come se si ripercorresse (o si percorresse per la prima volta per chi come me non ha avuto il piacere di nascere negli anni ’70) tutta l’ascesa dei big del rock che conosco ed ascolto quotidianamente.Si inizia così a guardare Elvis Presley, David Bowie e tantissimi altri rockers che in questo libro vengono raccontati, con occhi completamente nuovi: non sono più solo delle stelle della musica che fanno sognare, ballare ed emozionare i propri fan, ma diventano i capitani di un impero (quello musicale) che spesso è così grande da richiedere pure a loro l’intervento di manager che li seguano nel loro grande successo.

“Il rock non eliminerà i tuoi problemi. Ma ti permetterà di ballarci sopra.” 

Pete Townshend – The Who

Dietro ogni capitolo, o per meglio dire, traccia, c’è una storia reale di una band o di un singolo componente rock che viene raccontato come per svelare il lato umano ma anche gestionale che lo ha reso quello che lo ha portato ad elevarsi nel campo musicale fino a diventare una leggenda.

Ed ogni volta si ha la possibilità di studiare nel dettaglio ogni decisione strategica, ma a volte anche i fallimenti che hanno portato allo scioglimento di una band, o anche a delle rotture più drastiche che talvolta hanno portato a delle vere azioni legali.

Perché dietro ad ogni musica, ad ogni album, ad ogni singolo di successo, o anche non troppo conosciuto, c’è sempre un piano ben studiato, che va deciso e ben impostato come ogni azienda vera e propria è tenuta a fare per ogni sua azione.

Ecco che allora ogni traccia lascia un segno indelebile nella mente del lettore, un po’ come fa ogni brano che il giradischi diffonde nelle stanze.

La musica suscita emozioni, ci lega a momenti particolari della nostra vita, lo fa portandoci poi a rivivere ancora certe sfumature con un semplice “rewind”, perché a volte alcune canzoni sanno anche suscitare emozioni differenti nel corso della vita.

Ed anche le tracce di questo sorprendente libro sono fatte per lasciare il segno, lo fanno con citazioni, con atteggiamenti di famosi personaggi del genere rock, e per rendere ancora più easy il significato intrinseco di ogni punto della scaletta che vuole toccare, l’autore ha realizzato dei piccoli paragrafi che completano ogni traccia, li ha chiamati in un modo che trovo ancora una volta super azzeccato: “Take away”! 

Infondo ogni band, ma anche ogni front man che si rispetti è un po’ questo che vuole no? Che noi tutti, dopo un esilarante concerto ci portiamo via qualcosa del suo fantastico show!

In questo libro però non si parla solo di successi, ma anche di insuccessi, di soldi spesi male con eventi troppo costosi che hanno superato le spese calcolate in partenza, perché un manager deve valutare tutto quanto: deve sapere raggiungere il suo target, lo deve saper stupire, lo deve legare alla sua azienda come fanno i fan, ma deve anche saper evitare i rischi di una perdita economica che talvolta ci prende la mano quando il nostro intento è stupire troppo il nostro pubblico.

Questi e molti altri punti vengono toccati nelle tracce di questo manuale che dovrebbe essere presente sulla scrivania di ogni manager o aspirante tale.

Ed alla fine del libro, come per farci un ulteriore regalo, Massimo ci lascia delle brevi interviste che ha fatto ad alcuni importanti imprenditori e manager che conosce.

Sono veramente parecchi, ne cito due giusto per darvi un’idea:  Pietro Esposto ( Channel Marketing Director France – Dell Technologies) e Sara Roversi ( Founder, Future Food Institute. Co – Founder You Can Group) affida a loro il compito di mostrare quanto la musica rock sappia influire sulla loro vita personale e lavorativa.

Perché se c’è una cosa che la musica sa fare è accompagnare le persone in ogni istante della loro esistenza, come un caro amico che non ci abbandona mai, dando il suo contributo per renderci tutto più chiaro ed a volte anche più possibile.

Un libro che merita di essere letto, perché fa sognare di stare sopra un palco, di vivere quello che i big della musica rock hanno vissuto ed affrontato per diventare quello che sono diventati.E’ un ottimo alleato per tutti quelli che aspirano a diventare dei leader o che già lo sono ma che vogliono capire se stanno seguendo la strada giusta o hanno qualcosa da imparare o da migliorare.

“Provate a liberare la vostra creatività”

Il Rock in Azienda

Lo stile e le impressioni

Questo piacevolissimo e stupefacente libro manuale ha uno stile tutto rock!

Sa offrire spunti, riflessioni e sa dare anche consigli già di fatto collaudati da tutte quelle stelle che hanno appassionato generazioni di rockettari di ogni epoca.

Ha uno stile che si contraddistingue da tutti gli altri manuali perché è diretto, come i testi delle canzoni rock’n roll e sincero come i veri leader che hanno fatto sognare il mondo con le loro performance ad ogni live.

E’ un libro che sa stupire ed attirare l’attenzione del lettore fin dalle prime pagine, regalando emozioni che si legano così bene ad ogni nozione trattata da non farci più dimenticare nulla di quello che l’autore ci vuole insegnare.

Insegna con un metodo tutto nuovo dei concetti che troppe volte vengono sottovalutati o dimenticati durante il duro ruolo del management.

Che sia grande o piccola l’attività che si è chiamati a gestire, non c’è niente che non si possa guidare verso il successo.

Questo è quello che questo libro ci vuole fare capire, e lo fa a suon di musica rock, svelandoci tecniche e ragionamenti che grandi leader e grandi coach hanno saputo applicare affinchè certa musica sia diventata quel genere di musica che tutti noi conosciamo.

E se volete assistere ad un evento live di questo fantastico e rockeggiante autore andate a visitare questo link: www.ilrockinazienda.it dove troverete molte altre informazioni ed anche info per gli eventi live, dove potrete anche trovare questo libro!

Bidibibodibibook cerca sempre la magia nelle sue letture, ed in questa qual è?

“La magia di questo libro è racchiusa tra un brano ed un big che ci viene svelato, è racchiusa tra una traccia e l’altra, come solo la musica delle grandi leggende sa fare.” 

La copertina del libro “Il Rock in Azienda” di Massimo Panìco
  • Titolo: Il Rock in Azienda – i principi del rock applicati al management
  • Autore: Massimo Panìco
  • Casa editrice: Youcanprint (stampa indipendente)
  • N. Pagine: 169
  • Prezzo al pubblico:14,90

3 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *